Controfiletto di vitello gratinato

Controfiletto-vitelloQuando si parla di piatti famosi non può sicuramente mancare il “Controfiletto di vitello gratinato con salsa italiana” che viene proposto al ristorante “Piazza Duomo D’Alba” dallo chef Enrico Crippa.

I menù non sono assolutamente una cosa che possa essere consumata tutti i giorni (più che per la bontà, sulla quale non si discute, per il costo): “Evasione e Territorio” (11 portate) 220 euro, “Tradizione e Innovazione” (9 portate) 180 euro, “La Degustazione” (9 portate) 180 euro. Tra questi tre, il primo include il controfiletto di cui abbiamo parlato in precedenza.

Non ci è ovviamente dato sapere cosa possa contenere la salsa italiana, che è il vero segreto di questa ricetta “super-costosa”, ma volendo realizzare a casa una ricetta alternativa con questo pezzo di carne (uno dei più pregiati in assoluto), possiamo trovare in rete alcune idee davvero gustose. Per chi non lo sapesse, come riportato da cibo360.it, il controfiletto non è una parte anatomatica del vitello, bensì una serie di carni adiacenti al filetto, come la lombata o lo scamone.

Tra le ricette di controfiletto possiamo vedere questa spettacolare ricetta con il pepe verde, dove spezie e cognac danno un sapore unico e la panna aiuta nella presentazione finale permettendo di creare delle decorazioni da lasciare a bocca aperta.

Molto buono è anche il controfiletto di manzo alla toscana e pomodoro alla griglia che troviamo su AllRecipes.it. In sostanza si tratta di far cuocere alla griglia sia il controfiletto (stando ben attenti a mantenere la carne al sangue) che i pomodori (i quali dovranno essere “bruciati” fino a che la buccia non inizierà ad avvizzirsi).

Per chi desidera gustare del controfiletto con salsa, ecco una buona ricetta di controfiletto con salsa al vino, che può essere preparata tritando in un mixer una decina di scalogni mentre si fanno rosolare, in olio di oliva, 12 mirti e la scorza di un’arancia. In una padella bisogna poi aggiungere 1 cucchiaino di farina, mezzo litro di vino rosso e 100 ml. di Sherry. Far cuocere per alcuni minuti, fino a che la salsa non sarà diventata cremosa, poi bisogna filtrarla ed aggiungere, a piacere, sale e pepe. Il controfiletto dovrà essere prima fatto saltare in padella per un paio di minuti e poi cotto al forno per quasi un’ora a 80°.

Tre ricette alternative per un controfiletto davvero gustoso che non mancherà di stupire in tavola.

Related Posts